Sintobiografia e sintoscritti di Cettina Silvani

 

 

 

Sono una ladra di emozioni, mi piace definirmi così, né scrittrice né poetessa.
Lavoro con i Bambini e credo di dover ringraziare soprattutto loro,
se oggi attingo da tali arti e mi nutro di esse.
Dei quattro elementi di cui sono composti il cosmo e il microcosmo,
il mare è forse il più misterioso.
La vita è liquida, prende le forme che vogliamo,
come l’acqua che ci sommerge o ci disseta.
Puoi non nutrirti ma devi bere. Bere la vita, cercare la sorgente di essa è il mistero dell’esistenza.

 

 

 

 

 

 

 

Chiedimi adesso chi sono, chiediti adesso chi sei.
Due naviganti stellari, con le coordinate dell’amore

 

 

 

 

 

Se ricominciassi da zero

Vorrei che tu fossi
il mio zero.
E così ricomincerei
a contare
al contrario
per ritornare a
decrescere,
per crescere
ancora.
svuotare
lo zero di
tutti quei numeri
che conteneva
e farne
un anello
di vita.
 

 

 

 

Le ragioni degli altri

Il mio ego trema.
ci spendi la vita ad aver ragione.
Non è poi così facile spiegare
le ragioni degli altri.
Si potrebbe dire che ognuno
dalla prospettiva sua,
il suo dominio c’è l’ha.
Perché diciamoci la verità:
penso alla tua di ragione,
ma non rinuncio
ai mei “se”,
a miei “ma”
anche perché non
voglio far crollar
quell’aureola
che mi serve per ragionar!

 

 

 

 

Dal web

Di me di te

Del caffè
schiumato,
decaffeinato,
si parlerà
in un bar
di periferia.
Il cigolio della
soglia farà girare
i più curiosi.
ridacchiare i cinici.
sottecchi c’è
chi fissa
il culo di una ragazza
golosi aspettano
caldo lievito
appena sfornato.
Eppure
l’amore
è passato
anche da
qua
 

 

 

 

Io non dormo

Non mi faccio
sequestrare
dal giorno.
Sto sempre
in pancia
a formarmi
al buio delle
pareti,
della creazione
dove aspettare
di vivere
è più lungo.
 

 

 

 

Mamma ti ricordi l’acqua?

Quella che mi facevi bere
dal palmo concavo della tua mano.
Ti ricordi l’acqua?
Quel liquido bianco, che rigava
i tuoi giorni, aspettandomi.
Ti ricordi l’acqua?
Possiamo annegarle nell’acqua,
queste parole che non ti appartengono più.
O se vuoi sarò la tua acqua,
quando il lago dei tuoi occhi,
si prosciugherà nel sale.

 

 

 

 

Dal web

 

 

 

 

E poi…

E poi ti incontro tra realtà e sogno
a volte ti scontro, nell’incertezza.
Sei sempre uguale a te stesso
Rimaglio fuliggine
per arrivare al tetto della verità.
La verità, sta sempre sopra.
Alzo gli occhi per guardare
li richiudo per non far entrare
un pulviscolo di sogno
intrappolato tra le ciglia.
 

 

 

 

Menu mali                                                                                                                            Meno male

Menu mali                                                                                                                        Meno male
c’a c’è stu mari,                                                                                                                che c’è questo mare,
c’am”a alliscia a peddi,                                                                                                  che mi accarezza la pelle,
e non m’arrinvaccia,                                                                                                       e non mi rinfaccia,
quantu voti u’fà.                                                                                                              quante volte lo fa.
E non si siddia,                                                                                                                E non si arrabbia,
comu attia.                                                                                                                        come te.
Non s’arritira i razza.                                                                                                      Non ritrae le braccia.
S’attrova petri.: ailliscia                                                                                                 Se trova pietre, le accarezza.
Iavi a pazienza do su creaturi!                                                                                      Ha la pazienza del suo creatore!
Picchissu, tanti voti                                                                                                         Per questo, tante volte
m’addumannu, picchì                                                                                                     mi domando perché
i cristiani ianu sulu                                                                                                          le persone hanno solo
petri d’o cori,                                                                                                                     pietre nel cuore,
e sangu c’a n’accarizza.                                                                                                   e sangue che non accarezza.
 

 

 

 

Nel fiore
dei ricordi
sbocciano
desideri
mai 
colti.

 

 

 

 

Fuori taglia

Un amore vestito ha cerniere ben salde.
Un orlo con un filo di ferro,
e maniche fino ai polsi, per non contarne
i battiti.
Un amore in saldo,
per stagioni finite,
quando il tempo non trova
le taglie precise

 

 

 

 

Senza titolo

Abbiamo reciso fiori senza gambo,
e sfidato la morte, soffiandoci
in bocca.
Nulla è rimasto dell’antico seme.
Ciò che è stato vive nel
rimpianto flebile
di una candela.
 

 

 

 

E tu

Mi manchi
in
questo
mare
di pietra.

 

 

 

 

Gioco al buio con la vita

Rimango nei capillari,
dove irrorare vita è meno faticoso.
Sottopelle, ti amo, posso filtrarti.
Tu mi trascini, vuoi tutto chiaro.
Ma è nel buio il nostro vero
incontro, quando l’abbaglio si smorza
in ombra, e ciò che ho dentro traspare.
 

 

 

 

Jone Pierantonio

L’onda del tuo cuore

Quando l’onda del
tuo cuore si ritrarrà,
io resterò immobile.
Come fossile
di muta conchiglia.

Lascerò
che quel dolore
liquido mi sommerga,
mi evapori.

Per tornare
al cielo.

 

 

 

 

 

 

Le donne di mare

Le donne di mare hanno
occhi ardenti,
affrontano giorni roventi,
gridano come gabbiani,
quando i loro uomini…
sono lontani.
Seguono sempre l’onda,
le donne di mare
non hanno sponda.
Le trovi complici,
amanti, amiche,
le donne di mare,
amano le sfide.
E quando il mare
nero incupisce,
sono ancora luce
anche per chi le tradisce.
 

 

 

 

A piedi nudi nel parco

A Piedi nudi nel parco
calpesto, restituisco ,
mi riprendo l’abbraccio
della madre terra .
Come albero mi avvinco,
mi nutro, mi disseto.
Mi fondo.
Come quercia secolare,
mi affondo in terra primodiale

 

 

 

 

Ciò che mi innamora

Quello che più mi innamora,
e’ stare immobile davanti al tuo desiderio.
Cammina, mi avvolge senza toccarmi.

Quello che più mi innamora,
è un intersecarsi di pensieri paralleli,
come immobili stelle in un cielo d’estate.

Quello che più mi innamora,
è questo cercarsi senza mai trovarsi.

Perché l’amore non vuole essere raggiunto,
ma raggiungerti.
 

 

 

 

Il bacio dell’anima

Un bacio sospeso
Lo custodisco
in dolce segreto.
A volte sono tentata,
mi avvicino, provo
a sfiorarle le labbra.
ma subito mi ritraggo.
Ho paura
del consumato,
dello sprecato
del disfatto.
Un bacio
si insinua,
ti apre le porte.
Un bacio è un
sentiero per il
divino.
Per questo, non voglio
sciuparlo,
lo conservo
come il velo di
una sposa
lo immortalo
come il primo
vagito di un bambino.
Il bacio dell’anima
non puoi disperderlo.
Perché nessuno
di tutti quelli che
ho dato, sapevano
di vita.

 

 

 

 

La casalinga disperata

Rubava bolle di sapone,
per entrare nei colori
del mondo.

Rubare lo sguardo alla luna,
non è poi una cosa da nulla,
non sai mai con quale faccia
ti guarda.

 

 

 

 

E se adesso non ti è chiaro il perché, riapri la porta a tutti i tuoi se! Ma non mi contare tra loro.
Il tempo è passato tra le fessure della speranza, e mi ha sussurato ciò che non riuscivo a sentire
tra le grida dei giorni bugiardi.

 

 

 

 

I poeti son bugiardi

I poeti son bugiardi,
rubano primavere.
Respirano tramonti,
fumando giorni interi.

Non amano che lucciole,
nei giardini del pensiero,
e dondolano su amache
sospese tra secche dune.

Non conoscono il tempo,
ingoiano notti, per non perderne
il sapore, e sono felici,
solo con il loro dolore.
 

 

 

 

Dal web

Il mio prossimo viaggio

La valigia è sempre là ai piedi del letto.  È la stessa di quell’anno che vide terre lontane.
È lacero il cartellino dell’ultimo volo. Lei aspetta di essere chiusa, ma io  ho sempre qualcosa
da aggiungere. Aggiungo, per sottrarre tempo all’abbandono.
Nel mio prossimo viaggio non la porterò con me.
Il Coraggio non ha bisogno di bagagli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A piedi nudi

Dovremmo vivere a piedi nudi
per non perdere i battiti della terra.
per sentire le spine di ferro seminate;
per non scordare che l’inverno è freddo;
che la pioggia bagna fino ad entrare nelle ossa.
Dovremmo vivere a piedi nudi
per non scordarci di avere ancora i piedi,
per camminare verso altri piedi.